#FridaysForFuture

Oggi, 15 marzo, centinaia di migliaia di persone hanno manifestato nelle città di 100 paesi del mondo, inclusi tutti gli Stati dell’Unione Europea, perché i governi prestino maggiore attenzione alle problematiche ambientali. Lo “Sciopero Mondiale per il Futuro” è  stato lanciato dal movimento di giovanissimi e studenti per la lotta al cambiamento climatico, sorto lo scorso su iniziativa della sedicenne svedese Greta Thunberg. Alla manifestazione hanno preso anche educatori e giovani collaboratori di zoo associati all’UIZA, come Zoom Torino.

UIZA e Federparchi per la Natura

In occasione dell’Assemblea annuale UIZA tenutasi presso il Bioparco di Roma, il 7 e 8 Marzo 2019, è stato firmata una convenzione tra UIZA e Federparchi Europarc Italia, rappresentati rispettivamente dalla Dr.ssa Gloria Svampa e dal Dott. Giampiero Sammuri. La convenzione prevede la collaborazione tra le due istituzioni al fine della  tutela della biodiversità, la protezione delle specie e la divulgazione delle relative tematiche ambientali. Un ottimo esempio di come la sinergia possa contribuire a proteggere il nostro Pianeta.

Eduzoo…la festa continua

L’11 e 12 dicembre si è tenuta al Parco Zoo Falconara un ‘intensa riunione del gruppo di lavoro Eduzoo, ancora una volta ci si è concentrati sull’importante ruolo delle foreste, ma non si può solo lavorare e così i festeggiamenti per i 15 anni del gruppo di sono ripetuti con grande successo e divertimento unendo anche i 50 anni di attività del Parco Zoo Falconara!

Buone notizie

La Commissione Europea ha pubblicato i risultati della revisione condotta sulla Direttiva Zoo CE/22/1999.

I Membri EAZA, tra cui anche l’UIZA, hanno partecipato a questo importante processo e questa partecipazione ha contribuito al risultato positivo di questo lavoro di revisione. Il Rapporto redatto dalla Commissione mette infatti in luce l’elevata qualità della partecipazione dell’Associazione europea, dando testimonianza del valido ed attivo impegno dei Membri  nel contribuire al lavoro e ai progetti  della Commissione.

Il positivo risultato consiste nel fatto che la Direttiva Zoo  rimarrà  totalmente ​invariata e che verrà ​semplicemente ​raccomandato di ​incrementare la sua applicazione a livello nazionale. La Commissione pone l’accento sugli ​elevati standard dei ​Membri EAZA, individuandoli come il punto di riferimento/traguardo a cui tutti gli zoo dovrebbero ​aspirare  ​e considera la Direttiva Zoo come il mezzo per tutte le istituzioni zoologiche europee  ​per raggiungere gli elevati livelli dell’EAZA. ​